Phone

+34641501795

Email

[email protected]

Opening Hours

Mon / Fri: 9-20 Sat 9-13

Income tax

Le due fasce di imposta regionali più basse sono state ridotte dal 9,5% al ​​9% (per redditi fino a 12.450 euro) e dal 12% all’11,5% (per redditi compresi tra 12.450 euro e 17.707 euro).

Queste sono solo la metà regionale dell’imposta sul reddito, poiché devono essere aggiunte alle aliquote statali per raggiungere le aliquote totali pagabili nelle Isole Canarie per il reddito del 2019.

Nel 2018, i tassi di due stati più bassi erano del 9,5% e del 12%. Il resto delle fasce regionali rimangono le stesse (fino al 24%, questa aliquota massima si applica a redditi superiori a € 90.000) e devono essere tutte aggiunte alle aliquote statali per arrivare alle aliquote dell’imposta sul reddito applicabili per i residenti delle Canarie Isole.

The state maximum rate was 22.5% in 2018.

Inheritance and gift tax

Nel 2016 è stata introdotta una riduzione del 99,9% per l’imposta sulle successioni e sulle donazioni per i “beneficiari di gruppo I e II”.

Ciò riguarda i coniugi, i figli e altri discendenti (ad es. Nipoti, ecc.)

E i genitori e altri ascendenti (ad es. Nonni). Per questi gruppi si applica sia alle eredità che ai doni a vita, ma per i doni la donazione deve essere completata utilizzando un atto pubblico.

Ora, dal 1 ° gennaio 2019, questo sgravio del 99,9% è stato esteso ai “beneficiari del gruppo III”.

Ciò include fratelli e sorelle, nipoti, cugini, zie e zii. Può anche includere alcuni suoceri e figliastri in determinate circostanze, ma questo deve essere rivisto caso per caso.

Si noti che per i beneficiari del gruppo III, lo sgravio si applica solo alle eredità; non si applica ai regali a vita. IGIC L’IVA speciale delle Isole Canarie nota come IGIC è stata ridotta dal 7% al 6,5%.

Tax residence

È sempre stato importante comprendere i diversi criteri spagnoli che ti rendono residente qui a fini fiscali e seguire correttamente le regole.

Siamo stati informati da diversi avvocati tributari spagnoli che recentemente hanno assistito a un aumento delle ispezioni sulla residenza fiscale, in particolare per le persone più ricche.

In alcuni casi, le persone trascorrevano solo pochissimi giorni in Spagna, ma l’Ufficio delle imposte spagnolo sostiene che la Spagna è il loro centro di interessi economici, il che li renderebbe residenti fiscali in Spagna.

Quindi vale la pena ricordare che la residenza fiscale in Spagna non riguarda solo il conteggio dei giorni. Altri fattori possono avere una rilevanza sostanziale, a seconda delle circostanze, anche se trascorri qui molto meno di 183 giorni all’anno.

Tax on turnover in the Canary Islands

The Canary Islands and Community VAT legislation

Le Isole Canarie non fanno parte del territorio comunitario ai fini dell’IVA (articolo 6 della direttiva IVA ).

Le norme armonizzate sull’IVA non si applicano alle Isole Canarie e l’applicazione delle imposte sulla cifra d’affari spetta alle autorità nazionali o locali, fatto salvo il rispetto dei principi generali del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e, in particolare, l’assenza discriminazione nella tassazione dei prodotti.

L’IVA non esiste nelle Isole Canarie ma esiste una tassa locale di consumo nota come IGIC (Impuesto General Indirecto de Canarias – Canaries General Indirect Tax) applicata a diverse aliquote.

Esiste anche un’altra tassa sui consumatori nota come AIEM, discussa di seguito.

AIEM tax (excise duty on imports and deliveries of goods in the Canary Islands In principle, the Treaty does not allow differences in taxation between local products and products imported from Spain or other Member States.

Tuttavia, la specificità delle regioni ultraperiferiche, una delle quali è le Isole Canarie, è stabilita dall’articolo 349 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea , che consente l’adozione di misure specifiche, in particolare in campo fiscale, per tenere conto delle caratteristiche e dei vincoli particolari di queste regioni.

I produttori locali devono fare i conti con una serie di vincoli, causati soprattutto dalla loro lontananza, il cui effetto è quello di far aumentare i prezzi di costo dei loro prodotti, rendendoli così non competitivi con i prodotti provenienti da altri paesi (in particolare la Spagna continentale e gli altri Stati membri dell’UE ).

Ciò ha giustificato l’attuazione di una specifica misura, che, attraverso esenzioni o riduzioni fiscali per i prodotti locali, serve a incoraggiare l’attività industriale produttiva, salvaguardare la loro competitività con i prodotti esterni e aumentare così la percentuale del PIL delle Canarie rappresentata dall’attività industriale.

The decision (EU) 2020/1792 of November 16, 2020 autorizza le autorità spagnole ad applicare esenzioni o riduzioni totali della tassa AIEM locale in relazione a un elenco limitato di prodotti fabbricati localmente specificati nell’allegato a tale decisione fino al 31 dicembre 2020.

Tali tasse esenzioni o riduzioni non possono comportare differenziali fiscali superiori al 15%. Tuttavia, questo vantaggio fiscale è soggetto a un limite di 150 milioni di EUR all’anno.

Questa decisione consente quindi l’applicazione, nei limiti autorizzati, di differenziali fiscali tra prodotti locali e prodotti al di fuori delle Canarie.

For information and reservations contact us

en_GBEnglish (UK)