Telefono

+34641501795

E-mail

[email protected]

Orari di apertura

Lun/Ven: 9-20 Sab 9-13

Il lavoro a distanza è in aumento. Come lavorano le persone in remoto, perché lavorano in remoto e quali sono alcune idee sbagliate comuni sul lavoro a distanza?

Il lavoro a distanza è in aumento.

Sebbene la possibilità di lavorare dall’esterno di un ufficio aziendale sia fattibile per alcuni decenni, il lavoro da remoto sta diventando solo ora mainstream.

Potresti anche aver sentito la frase lanciata in una conversazione casuale: “Sto lavorando a distanza ora!” oppure “Ho potuto viaggiare e portare con me il mio lavoro!” Annuisci mentre ascolti queste persone che esaltano la flessibilità dei loro stili di vita e i benefici che hanno visto nella loro vita professionale perché possono lavorare a distanza, ma hai ancora alcune domande.

Che cos’è il lavoro da Remoto?

Il lavoro a distanza è uno stile di lavoro che consente ai professionisti di lavorare al di fuori di un ambiente di ufficio tradizionale.

Si basa sul concetto che il lavoro non deve essere svolto in un luogo specifico per essere eseguito con successo.

Pensala in questo modo: invece di recarti ogni giorno in ufficio per lavorare da una scrivania designata, i dipendenti remoti possono eseguire i loro progetti e superare i loro obiettivi ovunque vogliono.

Le persone hanno la flessibilità di progettare le loro giornate in modo che le loro vite professionali e personali possano essere vissute al massimo delle loro potenzialità e convivere pacificamente.

C’è stato un cambiamento di paradigma culturale in quello che la società ritiene essere un luogo di lavoro appropriato – e il lavoro a distanza ha sfruttato al massimo quella libertà ritrovata.

Come le persone lavorano da Remoto?

Ci sono molti modi in cui le persone possono lavorare da remoto.

Questa è la bellezza del lavoro a distanza: le persone possono scegliere di lavorare in un modo che abbia più senso per le loro vite.

Ad esempio, alcune persone hanno la possibilità di lavorare a distanza per la maggior parte della settimana lavorativa, ma devono recarsi alle riunioni di persona in ufficio un giorno alla settimana.

In una giornata tipo, questi dipendenti remoti lavorano dai loro uffici domestici o dai bar vicini e possono lavorare dall’ufficio della loro azienda quando è necessario.

Altri si affidano a spazi di coworkingessere i punti in cui possono portare a termine il lavoro.

Gli spazi di coworking fungono da hub di produttività, comunità e tecnologia, offrendo un’ottima connettività di rete e opportunità di incontrare altri che lavorano in una moltitudine di settori.

Possono essere utilizzati da persone con un lavoro a tempo pieno, carriere freelance e persino imprenditori che desiderano affittare uno spazio ufficio per se stessi o per il loro piccolo personale.

Si potrebbe anche dire che gli spazi di coworking sono a metà strada tra un ufficio tradizionale e uno spazio di lavoro non tradizionale, offrendoti il ​​comfort di lavorare da casa e combinandolo con le strutture professionali e le opportunità di networking che potresti trovare in un ambiente aziendale.

Sia che i dipendenti remoti scelgano di sfruttare uno spazio di coworking nella loro città natale.

Alcuni lavoratori a distanza sfruttano appieno le opportunità che offre loro uno stile di vita di lavoro a distanza.

Oltre a poter impostare i propri programmi in modo che siano in grado di lavorare ogni volta che sono più produttivi o creativi, alcuni dipendenti remoti decidono di lasciarsi alle spalle le loro routine tradizionali e mettersi in viaggio.

Nel tentativo di aprire le loro menti, raggiungere una maggiore comprensione globale ed espandere la loro rete professionale in una comunità mondiale, portano il loro lavoro a distanza in diversi paesi in tutto il mondo, tramite programmi di lavoro e di viaggio o viaggi fai-da-te.

Perchè le persone lavorano da Remoto?

Ora che hai capito cos’è il lavoro a distanza e come le persone lo fanno accadere ogni giorno, potresti chiederti: perché?

Perché qualcuno dovrebbe scegliere di lavorare al di fuori di un ambiente d’ufficio e, meglio ancora, perché il suo capo dovrebbe lasciarglielo fare?

Ci sono una moltitudine di vantaggi per il lavoro a distanza sia per i dipendenti che per i datori di lavoro, che vanno da una maggiore produttività a lavoratori più felici e più sani.

Analizziamo alcuni dei vantaggi:

I vantaggi del lavoro a distanza per i dipendenti

Stile di vita flessibile

Il motivo più ovvio per cui le persone vogliono lavorare a distanza è perché offre loro uno stile di vita più flessibile.

Quando non è necessario che si trovino in un ufficio per un determinato periodo di tempo, i dipendenti remoti possono concentrarsi sulle cose che contano per loro fuori dall’ufficio.

Se un lavoratore a distanza è anche un genitore, ha la possibilità di iniziare a lavorare prima nel corso della giornata in modo da poter essere presente quando i bambini tornano a casa da scuola o prendersi una pausa durante il giorno per un appuntamento dal medico.

Un altro scenario potrebbe essere un dipendente remoto che desidera ottenere un’ulteriore istruzione nel proprio campo.

Poiché non sono soggetti a un programma rigoroso in un posto di lavoro fisso, un dipendente remoto potrebbe seguire un master o un corso di formazione continua durante il giorno e raddoppiare il proprio lavoro la sera, o viceversa.

Benefici su Salute e benessere

I dipendenti remoti sono notevolmente meno stressati e hanno un morale più altorispetto alle loro controparti in carica.

In un rapporto pubblicato dalla Royal Society for Public Health nel Regno Unito, è emerso che il 55% dei partecipanti si sentiva più stressato a causa del proprio tragitto giornaliero.

Eliminando il tragitto giornaliero e consentendo ai dipendenti remoti di lavorare in un ambiente in cui si sentono a proprio agio, i datori di lavoro stanno nutrendo i dipendenti meno stressati.

Basta dare un’occhiata a questa statistica: secondo uno studio del 2014 di PGi, il 69% dei lavoratori a distanza ha riferito un minore assenteismo rispetto ai dipendenti non a distanza.

I lavoratori non sentivano il bisogno di saltare il lavoro senza una buona ragione perché si sentivano coinvolti e concentrati nel loro ruolo invece che stressati o sotto pressione.

I dipendenti più felici e più sani producono un lavoro migliore e si sentono più impegnati nei confronti delle loro aziende.

Da questo punto di vista, il lavoro a distanza è solo un buon affare.

Rinnovata passione per il proprio lavoro

I dipendenti remoti tendono a fare del loro meglio al di fuori dell’ufficio.

Sono più ispirati da ciò che li circonda e possono filtrare le distrazioni ambientali come meglio credono.

In effetti, l’opportunità di lavorare in remoto da solo porta una nuova prospettiva alla posizione dei lavoratori a distanza.

Lo vedono come una motivazione o una ricompensa per il loro eccellente lavoro e sono stimolati a continuare a superare i loro obiettivi per continuare a vivere lo stile di vita che hanno imparato ad amare.

I vantaggi del lavoro a distanza per i datori di lavoro

Maggiore produttività

Uno degli argomenti più propagandati per il lavoro a distanza è la maggiore produttività che deriva dalla sua flessibilità.

I dipendenti remoti hanno maggiori probabilità di impegnarsi ulteriormente nel loro lavoro, andando ben oltre il loro lavoro rispetto ai dipendenti in ufficio.

Secondo lo State and Work Productivity Report, il 65% dei dipendenti a tempo pieno ritiene che lavorare a distanza aumenterebbe la produttività e i loro capi sono d’accordo.

Due terzi dei manager che sono stati intervistati hanno riferito un aumento della produttività complessiva dai propri dipendenti remoti.

Risparmio

Anche i dipendenti remoti sono ottimi per i profitti di un’azienda.

Se un team è completamente distribuito, le aziende possono vedere una diminuzione delle spese generali dai soldi risparmiati su costi come l’affitto e i mobili per ufficio.

Per mettere in prospettiva l’apprendimento, Flexjobs ha riferito che i datori di lavoro possono risparmiare $ 22.000 all’anno per lavoratore remoto, anche se l’intero team non è remoto.

Dipendenti coinvolti

Oltre ai margini di profitto e al lavoro più efficiente e di qualità superiore, i datori di lavoro offrono opportunità di lavoro a distanza per mantenere i propri dipendenti felici e coinvolti.

Il lavoro a distanza non è solo un fuoco di paglia per il coinvolgimento dei dipendenti: quasi il 75% dei dipendenti intervistati in uno studio di Softchoice ha dichiarato che avrebbe lasciato il lavoro per uno che offriva lavoro a distanza. Questo è qualcosa che farà ascoltare un po ‘più da vicino i datori di lavoro interessati alla conservazione dei talenti.

Eccone un altro: in un sondaggio di TINYpulse , i dipendenti remoti hanno riferito di essere più felici dei dipendenti non remoti e si sentivano anche più apprezzati nel loro ruolo. ‍

Miti da sfatare sul lavoro da Remoto

Mentre il lavoro a distanza sta diventando sempre più comune, è vero che ci sono ancora alcuni malintesi su questo stile di lavoro. Ecco quelli che sentiamo più spesso:

Problemi di comunicazione

È vero che i dipendenti remoti non sono presenti nelle riunioni di persona.

Non sono radicati nelle conversazioni che rinfrescano l’acqua o negli incontri dell’happy hour, ma lo compensano nel loro desiderio di rimanere in contatto con il team e avere successo nel loro lavoro.

Le videochiamate sono il modo più semplice per tenere riunioni come dipendente remoto perché funge da promemoria che entrambe le parti sono umane e consente ai membri del team di costruire relazioni virtuali.

Poiché i dipendenti remoti tendono ad essere autonomi per natura, tendono anche a fare uno sforzo extra per comunicare in modo eccessivo lo stato del progetto, gli eventuali ostacoli che possono incontrare ed estendere le congratulazioni agli altri membri del team

Lavorare da remoto è uguale a lavorare sette giorni su sette

Questa è una paura sia dei dipendenti remoti che dei loro datori di lavoro. I dipendenti apprezzano il lavoro da remoto perché dà loro la libertà di stabilire il proprio programma, non perché consente loro di essere 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

I datori di lavoro non vogliono nemmeno che i dipendenti remoti lavorino senza sosta, per paura che si esauriscano e perdano la passione per la loro posizione.

All’inizio di un contratto di lavoro a distanza è importante stabilire quali ore un dipendente dovrebbe aspettarsi di essere disponibile e quali ore del giorno sono più aperte alla flessibilità.

Oltre a stabilire standard per la disponibilità, i team remoti dovrebbero stabilire aspettative chiare sulla comunicazione e sviluppare canali di messaggistica per i propri membri.

Lavorare da remoto è sinonimo di non lavorare

Abbiamo sentito abbastanza questo!

Lo stereotipo di un lavoratore a distanza è che sta tutto il giorno a letto in pigiama, lavorando una volta ogni tanto, ma non allo stesso livello di chi va in ufficio ogni giorno.

Sappiamo che questo semplicemente non è vero.

In tutto il tempo che abbiamo trascorso con i lavoratori a distanza, abbiamo visto una varietà di stili: quelli che si svegliano la mattina presto per un’escursione, si fanno la doccia e si accovacciano per una giornata di creazione mirata; e quelli che si preparano per la giornata come se andassero in un ufficio, vestiti eleganti e tutto il resto.

Quello che sappiamo è questo: i lavoratori remoti fanno le cose.

Come lavorare da Remoto

L’idea di svegliarti e vivere la tua vita nel modo più adatto ai tuoi obiettivi personali e professionali, insieme alle tue abitudini e idiosincrasie sembra quasi troppo bella per essere vera.

PS. questo modo di vivere è possibile per te, non importa dove ti trovi nella vita in questo momento.

Per informazioni e prenotazioni contattaci

it_ITItaliano